Nuovo pavimento sulla 6025

Serie 6000

A guardare questa immagine non sembra esserci nulla di strano… eppure qualcosa non quadra! Se state pensando al pavimento, pensate bene… infatti la vettura fotografata, la 6025, è stata dotata di un nuovo pavimento. La gomma utilizzata è di un nuovo tipo, analoga a quella utilizzata su alcuni autobus ed è di un materiale antisdrucciolo, resistente allo sporco e facile da pulire. inoltre sembra essere leggermente più spesso del precedente (in basso un’immagine di raffronto), che spesso si scollava e formava odiosissime bolle, anche di notevoli dimensioni.

Cromaticamente la tonalità è più blu, in accordo con il resto degli interni del tram. In effetti il verde acqua del pavimento originale poco si intonava con il resto della vettura.

Anno nuovo, vecchie abitudini

Bus, Incidenti

E’ iniziato il 2019 non tando diversamente da come era finito il 2018. Però rispetto al 2018, quando il primo bus dell’anno bruciò il 2 gennaio, quest’anno si è arrivati a ben 6 giorni senza un incendio. Era passata da poco la mezzanotte dell’Epifania che il bus matricola 837 in servizio sulla linea 36 prende fuoco in prossimità della stazionetta Leumann in corso Francia. Nessun ferito tra i passeggeri, ma solo tanti danni da parte delle fiamme che hanno completamente avvolto il veicolo e lo hanno praticamente distrutto.

Prima di diventare tutti esperti di incendi e di autobus, invitiamo a rileggere questo articolo di Cityrailways riguardo l’incidentalità e le relative cause.

 

Nuovi progetti: sogno o realtà?

Rete, Tpl, Tram

Si torna a investire nel trasporto pubblico! La “Legge di Bilancio 2018” ha previsto uno stanziamento per interventi nel trasporto rapido di massa ad impianti fissi; pertanto la Direzione Generale per i Sistemi di Trasporto ad Impianti Fissi e il Trasporto Pubblico Locale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato sul proprio sito web istituzionale, l’Avviso di presentazione delle istanze per l’accesso alle risorse per il finanziamento di interventi destinati al trasporto rapido di massa.

La città di Torino ha deciso di cogliere l’opportunità offerta da questo bando e ha individuato, con il contributo di Gtt e Infra.to, uan serie di interventi prioritari da candidare per l’assegnazione delle risorse:
1. Parcheggio di interscambio Piazza Bengasi per un importo di Euro 19.998.487,48;
2. Rinnovo flotta tranviaria per un importo di Euro 122.003.660,00;
3. Potenziamento Linea 15 per un importo di Euro 13.703.344,59;
4. Progetto capolinea Falchera per un importo di Euro 1.177.188,43;
5. Progetto capolinea Toselli – Hermada per un importo di Euro 3.732.321,93;
6. Linea 10 – Collegamento con Corso Giulio e Ponte Mosca per un importo di Euro 13.657.716,46;
7. Progetto di revamping delle motrici tranviarie serie 5000-TPR per un importo di Euro 51.728.000,00.

Esaminiamo con cura i punti legati alla rete tranviaria. Leggi tutto »

Potature piante in corso Unione Sovietica

Lavori, Linea 4

Arriva l’inverno ed è il momento migliore per alcune potature piante… il 27 e 28 dicembre prossimo corso Unione Sovietica, tra corso Tazzoli e p.le Caio Mario sarà chiuso al transito della linea 4, deviata per l’occasione su corso Agnelli.

Binari in via Nizza: addio o arrivederci

Linea 18, Rete

I binari di via Nizza, a sud di piazza Carducci e fino a via Millefonti, hanno le settimane contate: sembra infatti che la prossima asfaltatura di via Nizza porterà con sé anche la rimozione dei vari tronchi di binario ancora presenti. Sarà la definitiva fine del tram in via Nizza? La metropolitana è ancora ben lontana dal completamento, i bus che transitano in superficie prendono fuoco facilmente (l’ultimo lo scorso 17 dicembre) e secondo il rapporto di Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) il capoluogo piemontese risulta essere la seconda città più inquinata d‘Italia, grazie allo sforamento per ben 69 giorni del limite di Pm10 consentito!

Bisognerà vedere se si tratta di un addio o un semplice arrivederci…

Altro bus “tostato”, questa volta in via Artom

Bus, Incidenti

Poco prima delle ore 12 in via Artom l’autobus di linea 1, la vettura 3312, prende fuoco poco dopo essere partito dal capolinea. Le fiamme si sono sprigionate dal vano motore e hanno danneggiato la parte posteriore del bus, ricoprendo di fuliggine nera tutto il resto dell’abitacolo. I passeggeri, pochi al momento del fatto, sono stati fatti scendere senza subire alcun danno. Uno dei passeggeri era stato subito avvisato dell’innesco delle fiamme da parte di un suo amico che era rimasto in fermata e che ha visto il retro del bus prendere fuoco.

Il veicolo è rimasto sul posto fino alle ore 18 circa, quando è stato trainato in deposito dove saranno effettuati tutti i rilievi del caso.

Altro tram in orario

Pubblicità, Serie 2800



Dopo Tissot sulla 2877, anche la Swatch sbarca su una vettura serie 2800, la 2872 per la precisione (giusto per restare in tema). La pellicolatura è stata applicata da un paio di giorni e la foto fa riferimento al servizio sulla linea 16 in via Valperga Caluso.

Un tram sempre in orario

Pubblicità, Serie 2800


La 2877 viaggia da qualche giorno sempre in orario! Ma non è merito né dei semafori asserviti, né degli orari perfettamente studiati… stiamo ovviamente scherzando perché qui i tratta di una pellicolatura integrale dedicata alla ditta svizzera Tissot, produttrice di famosi orologi, molto precisi e di alta qualità. E’ passato circa un anno dall’ultima pubblicità integrale di una marca di orologi, la Hamilton.

Consegnato il primo bus BYD da 8 metri

Bus

E’ arrivato presso il deposito Gerbido il primo esemplare (di 8) di autobus elettrico da 8 metri, di fatto l’erede degli “Elfo” impiegati sulle linee 19N, Star1 e Star2. Il nuovo bus è anch’esso bianco, probabilmente riceverà una pellicolatura simile a quella dei suoi “fratelli” più grandi e la serie sarà numerata da 50E a 57E. L’esemplare in foto, ancora senza targa e giunto a bordo di un autoarticolato, dovrebbe essere la vettura 53E.

Questi autobus rientrano nel progetto “Realizzazione di reti di ricarica integrate per autobus elettrici e veicoli privati” del 2015, la cui parte di bus da 8 metri era andata deserta e che si è protratta a lungo fino all’assegnazione al costruttore BYD, già vincitore del lotto dei 12 metri.

Il resto dei veicoli dovrebbe essere consegnato tra la fine dell’anno e l’inizio del 2019. A bordo dovrebbe anche essere installato il famoso e tanto decantato tornello…

Tornano i Trollbeads sulla 2898

Pubblicità, Serie 2800

A un semestre dall’ultima campagna pubblicitaria, tornano i Trollbeads su una motrice serie 2800. Il periodo natalizio è quello più appetibile per promuovere i gioielli della ditta danese, tanto che la 2898 è da poco pellicolata con la nuova pubblicità integrale.

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi