La fase 2 presentata dal Comune di Torino

Gtt, Tpl

Ogni giorno ci si sveglia e si sa già che sarà presentato l’ennesimo piano per la fatidica “fase 2”! Ironie a parte… il Comune di Torino ha oggi presentato il piano per il trasporto pubblico. E’ un documento di 44 pagine che se non avete già ricevuto in almeno 3-4 esemplari tramite le mille chat di WhatsApp, potete scaricarlo qui (Pdf da 7 MB circa).

Si enfatizza che partire dal 4 maggio l’impegno previsto sarà pari a 1.150 conducenti (+430 rispetto ad oggi ossia +60%) che rende l’incremento notevole rispetto agli orari mantenuti in questa “fase 1” (praticamente identici a quelli del periodo di agosto), ma ponendo come riferimento il servizio pre-emergenza, la produzione chilometrica sarà dell’82% (rispetto al 52% avuto in questi giorni), ovvero saranno applicati orari come quelli della seconda metà di giugno.

Tornano tram le linee 15 e 16 e questa è già un’ottima notizia. La rete tram però si baserà esclusivamente sui tram serie 2800 e 6000. Le 5000 resteranno saltuarie eccezioni alla regola. Da inizio maggio ci saranno cartelli a bordo sul rispetto delle distanze di sicurezza e delle regole, anche impiegando i messaggi sonori, verranno disegnati in fermata dei campioni di distanza di sicurezza (un metro campione), saranno applicati adesivi sui sedili non utilizzabili così come sulle porte che non saranno più banalizzate (si parla nel pdf di modifiche alle vetture delle linee 4, 10, 15, 16… chissà invece le linee 3, 9 e 13… dimenticate?), nelle fermate principali sarà impiegato del personale per il controllo delle affluenze, mentre verificano i biglietti e si occupano pure di venderli (chissà se accettano le carte o Satispay…). Se qualcuno non vuole rispettare le regole sarà avvertita la centrale operative che eventualmente invieranno le forze dell’ordine.
A pagina 39 del pdf si trova pure l’immagine del dispenser di mascherine, fotografia realizzata proprio in occasione del servizio del 27 aprile (si riconosce il muro sullo sfondo), quel servizio con l’assessore Marco Gabusi e di cui Gtt nega verso i sindacati ogni coinvolgimento… stando a Gtt quei dispenser non sono fattibili in così breve tempo né ci sono le risorse per distribuire liberamente mascherine alla popolazione quando sono distribuite con parsimonia allo stesso personale.
In metropolitana verranno creati sensi unici pedonali per evitare l’incrocio dei passeggeri dal piano intermedio (mezzanino) dopo le prime scale fino al piano banchina. Il controllo sarà svolto con personale a terra in stazione e con il monitoraggio in centrale attraverso le telecamere di videosorveglianza.

Complessivamente il documento è più aderente alla realtà, molto più che non gli astrusi servizi di programmi televisivi di infima qualità. Occorrerà vedere ora se questa è l’ultima presentazione oppure se domani verrà fuori una nuova versione.

Si segnala che sul TGR delle 19.30 è stato anche intervistato l’A.D. di Gtt Foti: per la registrazione basta recarsi sul sito della Rai, oppure seguire questo link.

Ci spiace contraddire l’AD di Gtt, ma dal 4 maggio i tram non viaggeranno ogni 8 minuti né la linea 4 ogni 5 minuti. A 8 minuti ci sarà il 4 nell’ora di punta. Le altre linee viaggeranno intorno ai 10-11 minuti al mattino: sono l’equivalente degli orari di giugno con scuole chiuse.

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi