Nuovi sub-affidi autunnali e altre modifiche

Tpl

Dopo l’apertura delle buste dei giorni scorsi, sono state assegnate le linee che dal prossimo autunno saranno gestite da vettori privati. Tutto questo segue il piano industriale Gtt ma sbugiarda molte delle promesse elettorali in cui si sosteneva che il servizio pubblico sarebbe stato in mano a Gtt e non ceduto a gestori privati…

I lotti erano tre e per ciascun lotto è pervenuta una sola offerta. Ha partecipato alla gara anche la ditta Vita SpA che però non si aggiudica nulla.

http://www.gtt.to.it/cms/risorse/bdg/41.2018_Subaffidamento_linee_-_3_lotti/ESITO_DI_GARA.pdf

Lotto 1 con le linee 63/, 76, 96, 97 e 99 viene affidata a Miccolis SpA, società con sede in Puglia facente parte di un gruppo composto da attività in diversi settori dell’economia: trasporti, ecologia, energia, costruzioni industriali e attività portuali. L’organico complessivo del gruppo è di circa 350 dipendenti (fonte Miccolis SpA). Per vicinanza geografica torna alla mente il vettore Tundo…

Lotto 2 con le linee 50, 77, 90, 91 e 92 più il lotto 3 con le linee 66, 93/ e 94 alla ATI composta da Cavourese, Giachino, Bus Company e Autoindustriale Vigo, aziende già operanti sul territorio con varie linee in gestione.

Saltano all’occhio le linee 66, 76 e 77, oltre a 50 e 63/, che rappresentano le maggiori produzioni kilometriche. Complessivamente si parla di circa 50 autobus che prenderanno servizio in Torino per coprire queste linee nel loro complesso.

Tra l’altro per la linea 66 si prospetta una modifica di percorso proprio in concomitanza con la gestione della ATI: abbandonerà il capolinea di piazza Hermada, le saltuarie corse prolungate in p. Marco Aurelio, in favore di corso Farini, dove si attesterà e sopperirà alla carenza di un collegamento diretto col Gradenigo, collegamento che era assicurato dal 3 tram, un tempo, e dal 6 tram in epoca più recente.

Sempre da ottobre si parla di prolungare il 19 fino a Porta Susa e al contempo spezzarlo in due tronchi, con la creazione di una nuova linea, il 19 navetta, che effettui il giro del cimitero e si attesti in piazza Sofia (seguendo un po’ il percorso dell’effimera navetta “Sofia-Cimitero Monumentale”, nata più come test che non come vero e proprio servizio).

Di più vicina realizzazione sarà invece lo spostamento del capolinea della linea 12 in corso Vittorio Emanuele II angolo via Volta, modifica che permetterà l’abbandono dell’inutile giro di piazza Carlo Felice e lascerà più spazio al capolinea della linea 6.

Capolinea nomade

Tpl

E’ stato da poco inaugurato il nuovo ponte che collega via Cavalli con corso Matteotti e subito se ne sfrutta l’enorme potenziale con una modifica del capolinea di corso Inghilterra della linea 60. Questo capolinea ha visto già tre varianti nell’arco di pochi mesi, ultima delle quali prevede il ritorno del transito in corso Vinzaglio (ma questa volta diretto verso corso Inghilterra e non più verso corso Galileo Ferraris). Non si sa se sarà il percorso definitivo perché il capolinea posizionato non all’estremo del percorso può generare malumori in chi sale nell’ampio tratto che precede il capolinea e poi deve attendere la sosta.

Linea 15 prolungata a Superga

Linea 15, Tpl

Da oggi, domenica 1° aprile, la linea 15 unisce il suo percorso con quelle della linea Sassi-Superga. E’ l’ultima novità delle ottimizzazioni della rete di trasporto urbana!

Buon pesce di Pasqua! La notizia è ovviamente uno scherzo, ma se volete approfondire proseguite la lettura!

Leggi tutto »

Subaffido o non subaffido?

Ca.Nova, Gtt, Tpl

Alcune premesse (tratte dal bando di gara per il subaffido di altri tre lotti di linee):

In data 29/10/2012 è stato sottoscritto il Contratto per i servizi di mobilità urbana e metropolitana di Torino, tra la Città di Torino, l’Agenzia per la Mobilità Metropolitana (in qualità di ente concedente), la società INFRATRASPORTI.TO Srl (in qualità di gestore delle reti) e la società G.T.T. SpA (in qualità di concessionario).

Il Contratto di servizio inizialmente prevedeva una durata di dieci anni a decorrere dal 1/7/2012; successivamente con atto sottoscritto tra le parti il 29 novembre 2013, la durata è stata prolungata di cinque anni sino 30 giugno 2027.

Leggi tutto »

Cambiamenti in studio

Tpl

Avevamo già anticipato con la notizia dell’avvio della nuova linea CP1 che i risultati non sarebbero stati così positivi e difatti si stanno studiando nuove modifiche, ovvero il ritorno al transito a basse Dora, attualmente lasciato alla mercé del solo 44. Addirittura sono stati affissi cartelloni pubblicitari per sostenere il ritorno al villaggio Dora!

Altra modifica allo studio è quella di cambiare il capolinea della linea 77, spostandolo da corso Cadore in piazza Sofia. Il nuovo 77 percorrerebbe tutto corso Regio Parco a nord di corso Novara, in buona parte sovrapponendosi al 19, ma anche andando a coprire il tratto di fronte alla ex manifattura tabacchi, attualmente non servita da nessuna linea.

Spostamenti di capolinea intorno a Porta Nuova: il capolinea del 12, posto dietro quello del 6, non è mai piaciuto perché molto sacrificato e così si ipotizza una nuova sede nel controviale di corso Vittorio Emanuele II, angolo via Volta. Tale modifica accorcerebbe i tempi di percorrenza della linea dato che da via Sacchi il bus svolterebbe a sinistra, direttamente al capolinea (senza più fare il giro di piazza Carlo Felice) e da lì riprenderebbe subito via San Secondo. Anche il 64 potrebbe tornare nella sua posizione in corso Vittorio Emanuele II quasi angolo piazza Carlo Felice, dove oggi ferma il bus turistico Citysightseeing. Tale modifica ridurrebbe leggermente i tempi perché fa risparmiare il giro della piazza che è un grosso dispendio.

Incontri ormai usuali sulla linea 40

Bus, Ca.Nova, Tpl


Da diversi giorni si segnala sulla linea 40 la presenza di un autobus non conforme al servizio urbano, un Bova interurbano. Le motivazioni per la presenza di un tale veicolo sono da ritrovare nell’indisponibilità di altri mezzi e quindi piuttosto che lasciare la gente a piedi, la si carica con quello che resta. Questa è la qualità del subappalto… chissà cosa ci aspetta con le prossime linee date in subaffido!

37 + CO1 = CP1

Tpl


Mercoledì 31 gennaio, ultimo giorno di servizio per le linee 37 e CO1 (già erede della parte finale del percorso del vecchio 33/).

La nuova linea, denominata CP1, ovvero “linea Collegno Pianezza 1”, ricalca il percorso della linea 37 e sarà gestita coi bus elettrici recentemente entrati nel parco GTT e finora impiegati sulla linea 38.

Nonostante i proclami di miglioramento del servizio sono numerosi i cittadini preoccupati per ciò che ritengono una penalizzazione, soprattutto per gli utenti del quartiere collegnese Villaggio Dora: le linee CO1 e 37 oggi garantiscono otto passaggi in ora di punta mattutina verso la metropolitana, mentre con la linea CP1 i passaggi previsti saranno quattro all’ora; inoltre a metà mattina le attese saliranno fino a 32 minuti (oggi le attese erano mediamente di 12).

Desta inoltre preoccupazione nella popolazione il percorso della nuova linea CP1 verso Pianezza, in quanto nessun transito sarò previsto lungo viale Partigiani e via Portalupi, costringendo gli utenti a scendere lungo le trafficate via Venaria e via Torino-Pianezza e a percorrere centinaia di metri a piedi per raggiungere il centro del quartiere.

Novità da Febbraio

Gtt, Tpl

Novità in arrivo dal primo di febbraio. E’ iniziata l’opera di “rimodulazione” del servizio in base ai dati BIP, ovvero quelli che hanno portato a suddividere le linee nelle varie fasce (blu, verde, arancio, rosso). Le prime linee prese in esame sono 35, 36, 37, 50, 63/, 64 e CO1. 35, 36 e 64 sono linee “arancioni” in cui i passaggi dovrebbero essere portati ogni 8-10 minuti (contro i 10-12 attuali) mentre 37, 50, 63/ e CO1 finiscono tra le linee di ultima fascia con passaggi ogni 30 minuti.

Questa è la pubblicità. I dati che trapelano dai corridoi sono un po’ diversi. Dalla linea 64 verrà tolto un turno part-time e una vettura in orario di morbida, portando così la linea ad avere 8-10 minuti di punta e 15-20 in morbida.
Le linee 37 e CO1 vengono fuse insieme nel nuovo CP1 (linea “Collegno Pianezza 1″… chi ha studiato questa denominazione deve aver mangiato peperonata a colazione!) che sarà gestito con i bus elettrici BYD e avrà come frequenze 15 minuti in ora di punta, 20 in ora di morbida e 30 in serale, con un turno che girerà nelle campagne di basse Dora dalle 4 del mattino fino a quasi le 2 di notte, diventando il bersaglio perfetto delle baby gang che stanno creando moltissimi disagi sulle linee 33, 37 e CO1.
Più incognito è il destino di 35 e 36 che secondo la teoria dovrebbero essere portati a passaggi ogni 8-10 minuti e se sul 35 non ci dovrebbero essere modifiche, sul 36 si parla di eliminare dei turni e la cosa è incredibile perché come si giustifica la volontà di prolungare la metropolitana su un asse in cui il servizio bus, l’unico servizio bus presente, viene depotenziato?
Le linee 50 e 63/ passeranno di fatto agli orari di agosto, con due sole vetture in servizio. Per il 63/ sarà una modifica che dopo neppure due anni boccia completamente la politica portata avanti dalla precedente amministrazione, che aveva istituito il percorso circolare con capolinea tecnico e tutta una campagna di informazione alla cittadinanza, con tanto di orarietti cartacei dal sapore di santini elettorali!

Le attuali frequenze di tutte le linee si possono esaminare a questo indirizzo: http://www.gtt.to.it/cms/risorse/urbana/intervalli_sito.pdf

In caso di aggiornamento dei dati, una copia si trova qui.

Linea 40 a Ca.Nova con due Cityclass

Ca.Nova, Tpl

Come anticipato il 5 novembre scorso, la linea 40 è passata al vettore Ca.Nova dal 1° dicembre e insieme alla linea sono passati di mano anche due autobus suburbani Cityclass 591, le matricole 1210 e 1211. Evidentemente la penuria di bus si è acuita dopo l’incendio di uno degli ultimi Scania Omnilink arrivati pochi mesi fa (in basso foto tratta da Facebook che ritrae il bus danneggiato in via Lisa a Cambiano).

Quello che salta all’occhio è l’uso dei foglietti di carta con il numero della linea al posto degli indicatori in dotazione ai bus. Se questo è il livello di qualità della gestione subappaltata, allora il futuro è tutt’altro che roseo…

Linea 40 a Ca.Nova da dicembre?

Bus, Ca.Nova, Gtt, Tpl

Sono in circolazione voci del passaggio della linea 40 in gestione al vettore Ca.Nova dai primi di dicembre. Questo passaggio è il primo di una lunga serie che vorrebbe vedere il 15% del servizio Gtt in mano a gestioni private, così tanto da far finire anche l’intera struttura del deposito Nizza in gestione a Ca.Nova!

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi