Urgenti lavori in via Venaria

Lavori, Linea 3, Linea 4, Linea 9

In via Venaria urgenti lavori alla rete fognaria (ricordiamo ancora tutti l’episodio del 2012 anche se in quel caso il problema fu alla rete idrica) hanno bloccato il binario di rientro verso il deposito Venaria. Le linee 3 e 9 sono state assegnate rispettivamente ai depositi Tortona e Nizza, mentre la linea 4 (l’unica che esce ancora dal Venaria) effettua una manovra illegale per il rientro in deposito. I tram, giunti in piazza Stampalia, imboccano via Venaria in direzione centro e lì cambiano banco di manovra e procedono contromano verso il deposito, scortati da vigili o personale Gtt.

4 e 15 deviate per lavori estivi

Lavori, Linea 15, Linea 4


Dal 1° luglio le linee 4 e 15 sono deviate come indicato nelle cartine in alto, a causa della chiusura delle vie Milano e Arsenale. La linea 4 cambia percorso solo in direzione strada del Drosso: da piazza della Repubblica prosegue per corso Regina Margherita, via Rossini, via Accademia Albertina, corso Vittorio Emanuele II, via Sacchi, percorso normale. La linea 15 in direzione piazza Coriolano devia: da corso Re Umberto deviata per corso Stati Uniti, via Sacchi, corso Vittorio Emanuele, corso Cairoli, via Bonafous, piazza Vittorio Veneto, percorso normale; in direzione via Brissogne la deviazione è: da via Vanchiglia deviata per piazza Vittorio Veneto, via Bonafous, corso Cairoli, corso Vittorio Emanuele, via XX Settembre, corso Matteotti, percorso normale.

Linea 4 limitata per festa in corso Giulio Cesare

Linea 4

Domenica 31 marzo la linea 4 sarà limitata in piazza della Repubblica per una festa di via in corso Giulio Cesare. La linea 50 sarà prolungata fino in via Bertola onde permettere un comodo interscambio tra il bus e il tram. La curiosità è che servono più bus per la linea 50 prolungata e questa è da alcuni mesi gestita dal vettore Bus Company: il rinforzo verrà fatto con veicoli Gtt, da 18 metri, che saranno “vestiti” come linea 50/.

Da diritti a pretese

Linea 4

Nella mattinata di oggi, 23 marzo, la linea 4 è stata bloccata alla Falchera da un disabile che non voleva viaggiare secondo le regole di sicurezza previste a bordo dei veicoli Gtt. Non si parla più di accessibilità dei mezzi, oramai tutti i veicoli Gtt sono accessibili, eccetto i tram arancioni, ma ora la battaglia è contro le regole. Contro l’omologazione dei bus e dei tram che prevede una unica carrozzina a bordo per volta, contro la regola che se la carrozzina è troppo grossa o pesante, non può essere incarrozzata, contro il rispetto verso gli altri passeggeri che un tempo apprezzavano l’accessibilità dei mezzi ma che oggi vedono in un disabile, un potenziale problema. Il manifestante aveva già bloccato la linea 4 lo scorso 5 marzo perché pretendeva di salire con il figlio, anch’esso disabile su carrozzina, a bordo del tram, incurante del fatto che la postazione fosse una sola.

I veicoli erano stati progettati per ospitare a bordo le sedie a rotelle, non gli scooter elettrici di cui si sono dotate non solo le persone paralizzate ma, soprattutto, persone che faticano sì a camminare, ma che oggettivamente spesso potrebbero anche usare altri ausilii per la deambulazione.

Il confronto tra una sedia a rotelle da 15/20 Kg contro uno scooter da oltre 200 Kg è impietoso.

Gli episodi sono scaturiti a seguito della stretta sulle regole di trasporto dei disabili, seguita a un incidente occorso sulla linea 59, dove un disabile di 81 anni, accompagnato, è caduto dalla sedia a rotelle e ha battuto la testa, decedendo in ospedale 4 giorni dopo. Poiché l’autista è il primo responsabile in sede civile e penale per questo tipo di incidente, la stretta sulle regole imposta da Gtt è stata accolta da tutti per la propria tutela e per la tutela delle persone che vengono trasportate. Garantire la mobilità di tutti, senza distinzioni, è importantissimo. E senza distinzioni le regole vanno rispettate: essere costretti su una sedia a rotelle non autorizza a mancarne l’osservanza.

Per la cronaca il disabile in questione ha bloccato la linea per 8 ore e solo intorno alle 18 si è deciso a scendere dal veicolo. Gli sarà elevata un’ammenda per interruzione di pubblico servizio e gli saranno addebitati i costi di tutti i bus sostitutivi utilizzati per coprire il fermo dei tram.

Un’altra persona ha protestato, oggi, in modo analogo sulla linea 75, bloccando l’autobus con il suo scooter elettrico. Bisogna ricordare che i disabili (è sufficiente il 66% di invalidità o un certificato che indichi difficoltà deambulatorie) sono dotati di “tessera gialla” per la libera circolazione. Forse sarebbe il caso di rivedere questo benefit in caso di spostamenti con sedie a rotelle di particolare ingombro… e come sempre a causa di qualcuno, tanti ci rimetterebbero. Dopotutto occorre ricordare il caso emblematico del bus turistico a due piani: un tempo i possessori della “tessera gialla” potevano salire gratis, poi alcuni hanno iniziato a usare il veicolo turistico come un bus normale, salendo a Porta Palazzo con borse della spesa e oggetti ingombranti, tanto che oggi l’accesso al tour turistico è gratuito ma solo se accompagnati da un passeggero pagante.

Alla fine tutti si dimenticano che le regole sono fatte per tutelare chi viene trasportato.

Potature piante in corso Unione Sovietica

Lavori, Linea 4

Arriva l’inverno ed è il momento migliore per alcune potature piante… il 27 e 28 dicembre prossimo corso Unione Sovietica, tra corso Tazzoli e p.le Caio Mario sarà chiuso al transito della linea 4, deviata per l’occasione su corso Agnelli.

Festa in corso Giulio Cesare, linea 4 limitata a Porta palazzo

Linea 4

4limitato50bertola

Domenica 23 settembre la linea 4 sarà limitata alla tratta strada del Drosso – piazza della Repubblica a causa dello svolgimento di una festa di quartiere in corso Giulio Cesare. Per garantire il servizio verso Falchera, la linea 50 sarà prolungata fino in via Bertola. Saranno inoltre deviate dai normali percorsi le linee 27 e 75.

Panoramica dei cantieri estivi

Lavori, Linea 15, Linea 16, Linea 4, Linea 9

Un breve tour dei tradizionali cantieri estivi. In questo articolo andremo a esaminarne tre in particolare: corso Grosseto, corso Sommeiller e via San Tommaso.

Corso Grosseto
In largo Grosseto il lavoro del passante ferroviario prevede l’abbattimento della vecchia sopraelevata. Buona parte del manufatto è stato già demolito, restano solo più la parti vicine al binario del tram, che per via delle interferenze non potevano essere rimosse. Pertanto è stato necessario posare un binario provvisorio (beh, durerà qualche anno!) dove spostare il tram e liberare così il corso dove potrà proseguire sia la demolizione del cavalcavia, sia la costruzione del nuovo tunnel.


Leggi tutto »

Rifacimento binari, linea 4 deviata

Lavori, Linea 4, Linea 7

Dal 25 giugno al 10 agosto 2018 saranno effettuati lavori di rinnovo dei binari in via Bertola e in via San Tommaso.

Durante la prima fase (dal 25 giugno alla fine di luglio) saranno chiuse al traffico via Bertola (solo la corsia riservata ai mezzi pubblici) e via San Tommaso (tra via Bertola e via Santa Teresa). Nella seconda fase (dal 30 luglio al 10 agosto) saranno chiuse via San Tommaso (da via Bertola a via Santa Teresa) e via Santa Teresa all’intersezione con via San Tommaso.

La linea 4 devia così il suo percorso sull’asse dei Giardini Reali e via Accademia Albertina (vedere cartina). Pertanto la linea 7 deve modificare il suo capolinea che verrà spostato in piazza Carlina per tutta la durata dei lavori.

Avvistamenti su linea 4: niente ufo, semplici 5000

Linea 4, Serie 5000

Negli ultimi giorni sono sempre più frequenti gli avvistamenti di tram serie 5000 sulla linea 4. L’ultimo risale a ieri, 20 giugno (foto in alto), ma la stessa cosa era avvenuta qualche giorno prima (foto in basso) e ulteriori segnalazioni sono pervenute alla redazione. L’ovvia motivazione è la mancanza di sufficienti motrici serie 6000 e uno dei guasti più comuni in questi primi giorni di grande caldo è il condizionatore d’aria, senza il quale lavorare e viaggiare sul 4 diventa veramente difficile. Ed ecco quindi vedere le 5000!

Sabato, ovvero il tram-day di Torino

Linea 10, Linea 13, Linea 15, Linea 16, Linea 3, Linea 4, Linea 7, Linea 9

Se vi venisse domandato qual è il giorno in cui ci sono più linee tram a Torino, in tanti risponderebbero un giorno tra lunedì e venerdì, dopotutto sono i giorni maggiormente lavorativi, con tutte le scuole aperte e quindi con il bisogno maggiore di mobilità. Tutto vero, ma la risposta sarebbe errata. Non può essere la domenica perché ci sono varie linee che vengono gestite bus nei festivi (10, 13) e quindi resta il sabato. Sabato è in effetti il giorno in cui sono in servizio tutte le linee: 3, 4, 7, 9, 10, 13, 15, 16, Sassi-Superga. Escludiamo dal discorso il 18 che è bus da un decennio e il 9/ che fa servizio solo in occasione di partite allo stadio della Juventus.

Leggi tutto »

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi