Aptis in servizio e prossimi test

Bus

Fino al 6 giugno l’Aptis sarà in servizio gratuito tra piazza Statuto e la Gran Madre. Dopodiché il bus lascerà Torino (anche se Alstom spera di poterne piazzare un po’!) alla volta della prossima meta. Ma a Torino non bisognerà attendere molto per vedere un altro veicolo in sperimentazione: sarà un altro autobus elettrico con ricarica a “pantografo” effettuata al capolinea. Il percorso sarà dalla Gran Madre fino a via Cavalli, dove al capolinea dello Star sarà allestita una postazione per la ricarica rapida. Il modello di bus dovrebbe essere il Solaris Urbino Elettrico… staremo a vedere se non ci saranno ulteriori sorprese!

Tornando all’Aptis, le prime impressioni sono quelle di un veicolo molto rigido, confermate dai tecnici Alstom che però assicurano miglioramenti nel modello di serie. L’assenza di condizionatore d’aria interno e la minima superficie apribile dei finestrini, lo rende un forno sotto al sole, anche complice l’effetto serra dovuto alle grandi vetrate. La parte più interessante è quella della manovrabilità: non può essere guidato come un bus normale perché il punto su cui fa perno non è allineato con le ruote posteriori ma si trova a centro bus. Ciò comporta che il bus si iscrive nelle curve come fosse un tram a carrelli con un interperno di circa 10 metri. Il disegno in basso chiarisce meglio:

 

Con quattro ruote sterzanti, rispetto a solo due presenti negli autobus, Aptis occupa il 25% di superficie in meno nelle curve. Queste prestazioni di iscrizione apportano vantaggi alle fermate degli autobus, riducendo al minimo lo spazio necessario per il parcheggio e offrendo un guadagno in termini di spazio disponibile per gli altri veicoli. Sotto i 10 Km/h il bus può passare in modalità accostamento e in automatico si allinea perfettamente al marciapiedi, per facilitare l’accesso a bordo di utilizzatori di sedie a rotelle e viaggiatori con passeggini, riducendo i tempi di fermata. Le ruote posteriori si muovono in modo da far avvicinare il bus al marciapiede anche nelle fermate più strette.

Nella pagina seguente, una carrellata di immagini dell’Aptis durante i primi giri di abilitazione degli autisti. Si ringrazia Fabrizio Moscatelli per il materiale inviato alla redazione.

Leggi tutto »

Aptis in servizio gratuito

Bus

L’Alstom Aptis sarà in servizio dal 31 maggio al 6 giugno prossimo! Il bus, in tour promozionale a Torino, effettuerà servizio su una navetta gratuita tra la Gran Madre e Piazza Statuto, lungo il percorso della linea 13. Gli orari di servizio non sono noti ma saranno sicuramente orari centrali, come ad esempio dalle 8 alle 19.

Alstom Aptis in tour a Torino

Bus


Da mercoledì 22 maggio è arrivato a Torino un nuovo bus. Si tratta dell’Alstom Aptis, bus elettrico innovativo che sta facendo il tour dell’Europa, nella speranza di trovare degli acquirenti: https://www.alstom.com/our-solutions/rolling-stock/aptis-new-experience-electro-mobility
Il veicolo, dal passo lunghissimo e con tutte e quattro le ruote sterzanti (che gli permettono di avvicinarsi perfettamente ai marciapiedi), ha il pianale interamente ribassato e una coppia di porte che lo rendono molto simile a un veicolo VAL della metropolitana di Torino! Tra l’altro il bus che ora pernotta al Tortona è proprio il bus che vedete sul sito di Alstom (targa francese EL 742 ED)

Alstom ha portato al Tortona anche la stazione di ricarica, vari componenti di ricambio e pure materiale promozionale per rendere “social” le uscite promozionali e i test drive.

Al di là della pubblicità, bisognerà vedere quanto la linea “innovativa” sia accettata o se abbia osato troppo. A una prima vista il bus sembra bidirezionale…

Piccoli Byd arrancano

Bus

Da quando la linea 84 è passata sotto la gestione Gtt, che vi impiega i nuovi Byd K7 elettrici, la linea VE1 ha iniziato a soffrire carenza di materiale mobile. E’ vero che i nuovi bus elettrici sono soltanto 8, ma è anche vero che sulla linea 84 al massimo si vedono due bus contemporaneamente. Così tutti i giorni della prima settimana di servizio sono uscite macchine a metano e addirittura a gasolio sul VE1 (come la 1214 che è l’antitesi del bus elettrico in fatto di inquinamento atmosferico!). In basso e in altro varie immagini immortalate durante questa prima settimana di Aprile.


Linea 84 assegnata Gtt

Bus, Ca.Nova, Tpl

Nell’acquistare i bus elettrici la precedente amministrazione aveva nel 2016 stabilito che nell’area metropolitana torinese sarebbe stato previsto l’arrivo di nuovi bus elettrici per essere utilizzati su una linea torinese (il 6, poi anche il 19), altri per Settimo Torinese (impegnati sul SE1-SE2), altri ancora per Collegno/Pianezza (la linea CP1), mentre 2 autobus da circa 7 metri e mezzo si prevedeva di utilizzarli a Nichelino e Moncalieri. Leggi tutto »

Nuova livrea per i bus Gtt (ma solo i nuovi)

Bus


E’ apparso oggi sul profilo Facebook del sindaco di Torino, Chiara Appendino, il figurino con i nuovi colori che erano stati anticipati durante l’annuncio dell’acquisto di 74 autobus Mercedes Conecto. I colori, giallo e blu, riprendono i colori della città di Torino e verrebbero applicati esclusivamente alle nuove vetture, mentre le vecchie resterebbero nella colorazione argento-giallo-blu.
Appare evidente l’ipotesi di installare già i tornelli anche sui nuovi bus, dato che l’ingresso avverrebbe esclusivamente dalla porta anteriore (eccetto numerose categorie di persone che potrebbero salire dalla discesa centrale, ovvero disabili, famiglie con i passeggini, anziani con i carrellini o i girelli…). Dato che non sono ancora stati testati i primi tornelli sperimentali, forse la dichiarazione è un po’ troppo azzardata. Leggi tutto »

Cinese in prova

Bus

Nella giornata di oggi, San Valentino, sarà possibile vedere questo autobus in giro per Torino. E’ il modello dell’Alfabus Europa, società con sede ad Olgiate Comasco (Co) testa di ponte nel mercato del vecchio continente per Alfabus China (proprietaria dell’80% delle quote della sua omologa europea). I bus della Alfabus non sono però al debutto in Italia, si sono già presentati a Grosseto sotto il marchio Elife, oltre che a Trieste (per un breve periodo hanno fatto servizio tra Campo Marzio e Barcola) e all’Expo di Milano del 2015. Come gli omologhi BYD o Ebusco, gli Alfabus hanno un’autonomia di 250 Km e le batterie al litio possono immagazzinare oltre 300 kWh di energia.

Nel giorno di San Valentino l’Alfabus Europa spera di far innamorare Gtt al suo veicolo, facendolo provare all’azienda in una giornata di prove e dimostrazioni pratiche, anche se l’iter per l’acquisto di nuovi autobus prevede bandi di gara e rispetto di numerosi vincoli (ad esempio di bilancio) per le aziende che vi partecipano. Comunque sarà interessante mettere a confronto questo veicolo con i “cugini” BYD.

Piccoli BYD: tutti in servizio e nuovi BIP

Bus

Gli 8 autobus elettrici da 8 metri, modello BYD K7, sono entrati tutti in servizio ma su (almeno) uno di questi è arrivata una novità, il nuovo validatore (modello Futura3B) per i biglietti elettronici BIP. Rispetto al modello precedente, sul Futura3B è presente uno schermo LCD da 7 pollici e potenzialmente può processare ogni tipo di smart card, come Calypso, DESFire, MIFARE, PayPass o PayWave, e telefoni NFC. Può inoltre convalidare QR-code, anche dallo schermo dello smartphone. L’interazione con l’utente avviene per mezzo di parole, immagini, suoni (può riprodurre video AVI e musica MP3), tocchi e luci. Il guscio esterno del validatore è stato creato da Giugiaro Design.

Leggi tutto »

In visione i Conecto 12 e 18 metri

Bus

Lunedì 11 febbraio sono giunti presso l’officina centrale Gtt due autobus modello Mercedes Conecto, un 12 metri e un autosnodato da 18 metri. Essi sono in prestito dall’azienda TBSO (Trasporti Bergamo Sud Ovest) per una serie di prove e stesura di richieste di personalizzazione. Come si può vedere, gli interni (prima foto sotto) sono identici a quelli del bus di proprietà Bus Company che è il soggetto delle fotografie dell’articolo dello scorso 22 gennaio. Sicuramente una delle richieste sarà la chiusura delle cabine di guida, problematica già sollevata dagli autisti di Bus Company pochi giorni dopo l’immissione in servizio sulla linea 77 (e poi anche 50, ultima foto).


Tornello sperimentale sul bus

Bus


Nel pomeriggio di giovedì 7 febbraio, presso il deposito Tortona è stato presentato dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, il primo (e per ora unico) bus dotato di un tornello. Il bus prescelto è la 34E, già nota alle cronache per due eclatanti incidenti (vedere qui), su cui è stato installato un tornello in corrispondenza della strettoia anteriore. Due led rossi diventano verdi e il tornello si apre verso il basso quando si timbra un titolo di viaggio valido. Sul bus si potrà quindi salire esclusivamente dalla porta anteriore e scendere dalle restanti.

Leggi tutto »

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi