Addio Valentina II

Gtt, Servizi turistici

Proprio nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ironia del caso, tocca a Valentina II la sorte peggiore nel disastro avvenuto sul Po a Torino. I battelli erano stati ormeggiati con tutte le sicurezze previste ma nessuno si aspettava un livello delle acque -a Torino- di ben 6 metri, una quantità d’acqua superiore all’alluvione del 2000.

alluvione2016
Questa la situazione degli imbarchi nella mattinata del 25 novembre (foto Mihai Bursuc), con l’acqua che ha quasi interamente sommerso il chiosco della biglietteria. La potenza dell’acqua, sommata allo scontro con detriti, ha provocato la rottura degli ormeggi delle barche e il loro schianto contro l’arcata del ponte Vittorio Emanuele I. Prima di rompere gli ormeggi, le barche si sono trascinate per alcuni metri le pesanti zavorre adagiate nel letto del fiume a cui erano ancorate. Lo schianto, immortalato in diretta da un video del TGR Piemonte aveva seriamente danneggiato Valentina II, incastrata tra l’altro battello e il ponte, non solo aveva subito danni alla struttura ma aveva anche imbarcato acqua, mentre più contenuti erano i danni a Valentino II.

Foto LaPresse - Marco Alpozzi

Verso l’ora di pranzo sono arrivate le potenti gru che avrebbero dovuto recuperare i due battelli, costruiti nel 2011 nei cantieri nautici Vemar Industria s.r.l. di La Spezia su progetto studio Ruggiero S.r.l. Le operazioni però non vanno a buon fine perché dopo aver spostato Valentino II, la furia delle acque si è potuta accanire senza più nessuna protezione proprio contro la povera Valentina II che ha continuato ad imbarcare acqua fino a rovesciarsi.

batteligru

Una volta rovesciata la barca, questa è potuta passare sotto le basse arcata del ponte della Gran Madre ed essere trascinata a valle dalla corrente, superando senza ulteriori danni il ponte di corso Regina Margherita, la passerella pedonale di piazza Chiaves e il ponte Sassi fino ad arrivare alla diga del Pascolo, alla confluenza tra Stura e Po dove si è adagiata sul fondale basso e dove resterà fino al suo recupero.

valentina2capovolta

Inutile sottolineare i numerosi dibattiti seguiti alla vicenda, con il proliferarsi di esperti marinai, ingegneri delle acque e provetti addetti al recupero di barche alla deriva… sono state aperte diverse inchieste, sia interne a Gtt che esterne, per accertare le cause e capire eventuali responsabilità. Non è la prima alluvione che mette a rischio i battelli ma finora tutto aveva retto l’impatto delle acque. Ma a tutto c’è sempre una prima volta. Qui in basso una piccola carrellata di esondazioni del Po viste all’imbarco dei Murazzi:

1992
alluvione1992
2010

2011
alluvione2011
2014
esondazione2014

 

Tema WP & Icone di N.Design Studio. Versione personalizzata da Tramditorino.it
Accedi