Lavori in via XX Settembre

Lavori, Linea 15, Linea 4 Commenti disabilitati su Lavori in via XX Settembre

Se l’estate è arrivata presto, quest’anno, i cantieri estivi si sono fatti attendere un po’ di più. Parleremo più dettagliatamente di cosa ci aspetta nel 2017 sul fronte lavori alla rete, in un lungo articolo, per ora vediamo cosa ci riserva la settimana dal 26 al 30 giugno.

Via XX Settembre: si sfrutta un’intera settimana per intervenire sullo scambio angolo corso Matteotti, sul binario prossimo alla fermata di via Bertola e si effettuerà uno scavo all’altezza del civico 48. Ciò comporterà la deviazione delle linee 4 e 15 come dalle cartine qui allegate. Attenzione che la deviazione è esclusivamente nella direzione nord, quindi verso Falchera per il 4 e verso Sassi per il 15.

Sulla linea 15 si sfrutta anche la deviazione per rifare l’asfalto nella corsia preferenziale di corso Re Umberto, nella sola direzione nord. Questi lavori si protrarranno anche la settimana successiva, pertanto la deviazione del 15 resterà attiva fino al 7 luglio.

Muoversi a Torino: un open-source alquanto caro

Tpl Commenti disabilitati su Muoversi a Torino: un open-source alquanto caro

In occasione del Salone Internazionale del Libro 2017, Città di Torino e 5T hanno lanciato Muoversi a Torino, il nuovo e innovativo servizio di calcolo percorsi istituzionale che pone i suoi punti di forza sull’essere in tempo reale, multimodale, multioperatore, multilingua, accessibile e -cosa più importante- open source (ovvero senza costi di licenze per l’uso del programma). In particolare viene sottolineato come si utilizzino gli open source OpenTripPlanner per il motore di calcolo percorso e OpenStreetMap come base cartografica e per i dati geografici. Il programma si presenta bene, con una grafica leggera e moderna, con un gusto quasi nordico.



Questi sono alcuni degli screenshot del sito ma gli esperti di trasporti non avranno avuto difficoltà nel riconoscere il motore che sovrintende tutto, ovvero Digitransit. Anch’esso è un open source, nato in Finlandia nell’agosto 2015 e rilasciato nella versione beta nella primavera 2016. Molto strano che non venga citato a fianco di OpenTripPlanner e OpenStreetMap, visto che è stato riutilizzato senza alcuna minima modifica (in basso ci sono gli omologhi screenshot della versione di Helsinki):



Chiaramente non c’è nulla di male nel “riciclare” un sistema già funzionante, soprattutto se privo di costi di sviluppo (la personalizzazione è marginale). Inoltre 5T si avvale dei dati che riceve dai vari operatori (come Sadem, Gtt, Trenitalia, BikeSharing…) senza alcun costo né contributo al mantenimento degli apparati che questi dati generano (in Gtt, il Sis, tanto per fare un esempio). Questo è un ottimo risultato che l’attuale amministrazione ha ottenuto: minimizzare le spese per offrire servizi migliori ai cittadini. Resta solo una domanda: ma i 120.000 Euro annui di contributo per questo servizio, a cosa servono? (pagine 16 e 25 del documento: http://www.comune.torino.it/consiglio/documenti1/atti/allegati/201600932_B_tc.pdf)

Quasi tutto pronto per i nuovi elettrici

Bus, Gtt Commenti disabilitati su Quasi tutto pronto per i nuovi elettrici


E’ sbarcato a Rotterdam, via nave dalla Cina, il primo bus elettrico BYD per Torino. A circa un anno dalle prime apparizioni sulle strade di Torino, il nuovo mezzo elettrico è prossimo a fare la sua apparizione. Il lotto, composto in origine da 16 veicoli, è cresciuto a 20 unità (saranno numerate E30-E49). Da Rotterdam il bus prenderà la strada del Cuneese, infatti sarà portato a Villafranca Piemonte in una ditta che si occuperà della manutenzione in garanzia, subaffidata dal costruttore. Nel Cuneese saranno applicate alcune apparecchiature prima di spedire i mezzi a Torino, dove dovrebbero effettuare test su diverse linee della città (si parla di inizio luglio). Data l’autonomia dichiarata di 300 Km, è probabile che non sia necessario costruire stazioni di ricarica induttiva ai capilinea. I mezzi sono totalmente bianchi in vista di possibili pellicolature ad hoc, gli interni invece si caratterizzano per un pianale marrone e sedili verdi.
Nel frattempo al Gerbido e al Tortona si sta lavorando per costruire o ampliare le postazioni per la ricarica dei bus elettrici da 12 metri. In basso due immagini del cantiere al Gerbido.

Non resta quindi che attendere l’arrivo di questi “giocattoloni” da oltre 300.000 Euro di valore!

Da Trieste a Torino

Bus, Ca.Nova Commenti disabilitati su Da Trieste a Torino

Sembra scritto nel destino che Torino e Trieste siano accomunate dai mezzi pubblici che dal capoluogo rosso-alabardato giungono sotto la Mole per trascorrere la propria seconda giovinezza! Dopo i BMB 240 MU acquistati sia da Canuto che da Tundo, i Cityclass 10,5 m presi da Sadem, la 447 -tram storico- restaurato da Atts, ecco i sette Vivacity da 9 metri (matricole 1601-1607) che vanno a rinforzare il parco mezzi di Ca.Nova (erede di Canuto). In basso tre immagini: la 1602 ripresa davanti la stazione di Trieste, la 1603 nel deposito di Ca.Nova a Moncalieri e la 883 (ex 1607) in servizio sulla linea 70.

Il Bredamenarinibus 231MU Vivacity M fu acquistato in 15 esemplari da Trieste Trasporti nel 2008-9. Lungo 9,4 metri, può ospitare fino a 71 passeggeri, di cui 11 seduti ed una postazione per disabile. Il motore, Deutz, è diesel Euro4 da 4764 cm3 e con una potenza di 215 cavalli, il cambio ZF (5 HO ECOMAT). I mezzi sono arrivati nei primi mesi del 2017 a Moncalieri e gradualmente messi in circolazione, mantenendo intatta l’originale livrea triestina.

Lavori su linea 4

Lavori, Linea 4 Commenti disabilitati su Lavori su linea 4

In p.le Caio Mario si procede al rinnovo di un incrocio e alla revisione di alcuni scambi. Dal 12 al 23 giugno la linea 4 sarà deviata su corso Tazzoli come indicato nella cartina in basso. In alto un’immagine del nuovo incrocio arrivato sul luogo del costituendo cantiere.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
Entries RSS Comments RSS Accedi