Debutta la nuova linea 6 con i nuovi bus elettrici

Bus, Linea 6 Commenti disabilitati su Debutta la nuova linea 6 con i nuovi bus elettrici

Entrati in servizio i primi cinque esemplari di autobus elettrico da 12 metri prodotti dalla cinese BYD. Debuttano sulla nuova linea 6, un quarto dei nuovi arrivati (il lotto complessivo prevede 20 veicoli). Le matricole impiegate sono state: 34E, 36E, 37E, 39E e 41E. Nei prossimi giorni pubblicheremo un report sulla nuova linea 6, alla quale diamo qualche giorno per assestarsi nel nuovo formato.



La nuova linea 6 abbandona il percorso tranviario Hermada-Statuto e segue invece il tragitto del 68, con un passaggio più ravvicinato al campus Einaudi in direzione Hermada (l’unico possibile dato il senso unico del lungodora Siena). In basso una mappa della nuova linea:

Presentati i nuovi bus elettrici

Bus, Gtt Commenti disabilitati su Presentati i nuovi bus elettrici

Presentati questa mattina, lunedì 18 settembre, di fronte al palazzo della Regione, i primi tre autobus elettrici prodotti dalla cinese BYD, per la precisione le matricole 30E, 32E e 33E. Il lotto è composto da 20 veicoli da 12 metri che andranno a incrementare il parco mezzi elettrici.


Alla cerimonia hanno preso parte il presidente della Regione, Sergio Chiamparino e l’amministratore unico di Gtt, Valter Ceresa, oltre ai vertici della BYD. I mezzi andranno inizialmente in servizio da ottobre sulla linea 6 (nuova gestione dal 2 ottobre) e sulla linea 19 (prolungata fino in piazza Solferino): non essendo necessarie stazioni di ricarica, in teoria potrebbero fare servizio su qualunque percorso.





Presentazione nuovi bus elettrici

Bus Commenti disabilitati su Presentazione nuovi bus elettrici

Lunedì 18 settembre, alle ore 12,30, in piazza Castello davanti al palazzo della Regione saranno presentati i primi tre autobus elettrici BYD. I mezzi, bianchi, sono stati pellicolati con una fantasia che richiama l’ambiente e l’energia elettrica. Altri due bus, ancora bianchi da immatricolare, sono in questi giorni rimessati nel deposito Tortona e vengono utilizzati per la formazione del personale viaggiante. L’entrata in servizio è prevista per ottobre.

Valentina II torna in deposito

Servizi turistici Commenti disabilitati su Valentina II torna in deposito

Dopo circa 10 mesi di inabissamento nel fiume Po, dopo una settimana di lavoro, il battello Valentina II torna in secca e viene trasferito all’interno del comprensorio Novara dove resterà fino a quando non sarà presa la decisione sul suo futuro. In basso un video della Stampa in cui si ripercorre il viaggio dalla diga del Pascolo fino al deposito degli autobus.

http://www.lastampa.it/2017/09/12/multimedia/cronaca/finisce-lodissea-di-valentina-Ct8Ym5Eyembj37kEMbhDvI/pagina.html

Nuovi bus elettrici al Tortona

Bus Commenti disabilitati su Nuovi bus elettrici al Tortona

Sono giunti al Tortona due esemplari dei nuovi bus elettrici BYD, ancora in fase di allestimento, senza matricole né targhe. Vi mostriamo in anteprima un’immagine dell’interno del bus:

Nel frattempo sono state concluse le nuove colonnine per la ricarica dei mezzi, che ampliano così il numero di postazioni di ricarica dei bus elettrici.

I bus elettrici dovrebbero fare il loro esordio sulla nuova linea 6 che sarà attivata in ottobre, oltre che sulla linea cimiteriale, il 19, e sulle navette di Settimo (SE1 e SE2).

T427 quasi pronto

Tram Commenti disabilitati su T427 quasi pronto

Dopo l’articolo del maggio scorso, ritorniamo a dare uno sguardo all’avanzamento dei lavori di rialzo sulla T427. Avevamo lasciato la sabbiera con il truck smontato e in attesa di essere revisionato, ora ritroviamo il truck completamente revisionato e pronto per essere ricollocato sotto la cassa. Non solo i cerchioni sono stati sostituiti, ma tutta la struttura è stata rimessa a nuovo, come si può vedere nelle immagini che seguono:

Non resta che attendere il rimontaggio della vettura e la conclusione dei lavori.

6 al capolinea

Linea 6 Commenti disabilitati su 6 al capolinea

Adesso è ufficiale che la linea 6 tram terminerà servizio il 1° ottobre e sarà trasformata in linea bus dal giorno successivo, con uno stravolgimento del percorso. Come anticipato lo scorso 31 luglio, si è deciso per la trasformazione del 6 in un supplemento della linea 68 tra Porta Nuova e il Campus Einaudi con l’attestazione in piazza Hermada. I tram recuperati dalla linea 6 saranno rigirati sulla linea 10 che a sua volta libererà vetture per la linea 13 che sarà potenziata (in realtà torna ai livelli di qualche anno fa).

I tram sul 6 torneranno a vedersi dal 11 settembre e saranno le ultime tre settimane di gestione su ferro: dal 2 ottobre arriverà la gomma.

Si recupera Valentina II

Servizi turistici Commenti disabilitati su Si recupera Valentina II

Si è atteso il minimo livello del fiume Po, aiutato dalla grande siccità di questa estate, per intervenire nel recupero del battello Valentina, affondato il 26 novembre 2016 e incagliato prima della diga del Pascolo. E’ stata montata nell’area del complesso Iren, un’enorme gru per poter sollevare e mettere in secca il battello. Successivamente si è aperta la diga che ha fatto calare il livello delle acque di un paio di metri, rendendo il fiume quasi guadabile a piedi.

Lunedì 5 settembre si è provveduto ad un primo tentativo di recupero, tentativo che è riuscito solo a metà, come si può vedere in questo filmato:

http://www.lastampa.it/2017/09/05/multimedia/cronaca/fallito-il-primo-tentativo-di-recuperare-il-battello-valentina-StsHMpPZ6vYBxeaMLOzy4O/pagina.html

La barca è stata sollevata e rigirata, mostrando uno stato di conservazione delle strutture meno peggiore del previsto, però anche rimessa in acqua nel verso giusto, non è in grado di galleggiare e si è adagiata sul fondo sabbioso.

https://video.repubblica.it/edizione/torino/continua-l-odissea-di-valentina-le-gru-la-girano-ma-il-battello-sprofonda/283918/284529?ref=tblf

Il giorno successivo, il 6 settembre, la barca è stata imbragata e spostata in un punto più sicuro, in vista delle operazioni di svuotamento dal limo che anticiperanno l’operazione di trasporto verso l’autostazione Dora, dove sarà rimessato a fianco dello sventurato compagno di avventure.

https://video.repubblica.it/edizione/torino/valentina-riemerge-dal-po-e-trova-un-approdo-sicuro-alla-diga-del-pascolo/283979/284592

 

Nuovi arrivi bus presso Ca.Nova

Bus, Ca.Nova Commenti disabilitati su Nuovi arrivi bus presso Ca.Nova

I primi due nuovi Scania acquistati (sul mercato usato) da Ca.Nova sono già in servizio. Si tratta di un CityWide (matricola 884) e un OmniLink (matricola 885); ad essi si aggiungeranno presto altri esemplari che sono stati acquistati ma non ancora consegnati a Moncalieri. Il parco di bus Scania di Ca.Nova resta così rappresentato da un discreto numero di veicoli.


Della 885 disponiamo anche di un’immagine con le insegne del precedente proprietario, la Rhein-Main Verkehrsverbund (www.rmv.de), un’azienda del gruppo Transdev: la provenienza tedesca si nota a bordo del bus dove il segnale di prenotazione della fermata recita “Wagen hält” ovvero “il bus ferma”!

Quale futuro per la linea 6

Linea 6 Commenti disabilitati su Quale futuro per la linea 6

Futuro incerto per la linea 6, la linea tranviaria della Sindone, nata per il potenziamento del servizio in occasione dell’ostensione 2015. Il collegamento che allo stesso tempo potenziava l’asse Porta Susa-piazza Castello, collegava Porta Susa con il Campus Einaudi e recuperava il binario di piazza Hermada, ha con molta fatica raccolto una fetta di clientela soprattutto nelle ore di punta, malgrado la bassa frequenza (un tram ogni 15 minuti).

Tutto questo però non è sufficiente e si sono studiate delle variazioni di percorso (e gestione) della linea in modo da aumentare il carico della stessa. L’idea iniziale era quella di mantenere il servizio tranviario con un percorso che collegasse maggiormente Porta Nuova con il Campus, ricalcando in parte il percorso del 68 bus, linea che è satura nelle ore di punta. Il principale problema era la mancanza della svolta a destra da via Rossini verso corso Regina Margherita e quindi si ipotizzava il riutilizzo dei binari esistenti con il giro da via Po e Giardini Reali, anche se questo avrebbe decretato la perdita del capolinea di piazza Castello per la linea 7 (e conseguente penalizzazione del servizio turistico) oltre a un giro dell’oca che avrebbe tenuto lontani i passeggeri maggiormente attratti dal 68 con un percorso più veloce e rettilineo.

Così si è ipotizzata la provvisoria gestione bus della linea, in attesa della posa del raccordo (due curve, 4 scambi e un incrocio nuovo) all’angolo tra corso Regina Margherita e via Rossini, ma come si può immaginare questa opzione sembra essere praticamente impossibile, perché è sbagliato investire a lungo termine… Visto che l’idea della gestione provvisoria con bus appariva molto definitiva, perché non ipotizzare un giro più contorto, avvicinandosi ancora di più al Campus e magari utilizzare i nuovi bus elettrici Byd? Soprattutto perché questa opzione libererebbe risorse economiche per il ritorno del DoraFly (il nuovo Dora Express) tra Porta Susa e piazza Baldissera.

Ovviamente le idee restano tante e tutte confuse, quindi non è ancora chiaro cosa ne sarà della linea 6 anche se è plausibile che diventerà una sorta di supplemento del 68 e il capolinea liberato in piazza Statuto porterà al ritorno del 13/ per sopperire alla riduzione di posti offerti sull’asse Porta Susa – piazza Castello… tutti film già visti e dai risultati più che noti…

 

WP Theme & Icons by N.Design Studio
Entries RSS Comments RSS Accedi